È vero che l’alimentazione può incidere sulla risposta del sistema immunitario?

0

Sì, un’alimentazione scorretta, in eccesso o in difetto, può abbassare la risposta immunitaria. Una dieta varia ed equilibrata è fondamentale quindi per preservare un’adeguata difesa immunitaria.

Per la salute e il benessere è essenziale una difesa immunitaria ben funzionante in grado di proteggere l’organismo dall’invasione di agenti patogeni e dalla formazione di cellule neoplastiche.
Il sistema immunitario è molto complesso e deve essere ben regolato per svolgere al meglio le sue funzioni, ed è importante garantire un corretto apporto di energia e nutrienti per permettere il mantenimento e il rinnovo costante delle numerose cellule immunitarie. 1

Gli alimenti forniscono l’energia, il carburante che permette all’organismo di svolgere le sue funzioni tra cui la proliferazione delle cellule particolarmente attive del sistema immunitario. Inoltre, grazie ad un’alimentazione varia sono garantiti gli apporti di micronutrienti, vitamine e minerali, che agiscono come regolatori della risposta immunitaria. In particolare, tra i minerali rivestono un ruolo importante lo zinco, il selenio, il ferro e tra le vitamine la A, D, E, C, B6, B12 e l’acido folico.
Lo zinco, ad esempio, è coinvolto nella crescita e differenziamento dei linfociti T, il selenio è un componente di numerosi enzimi che giocano un ruolo nelle reazioni redox e la Vitamina C svolge una funzione essenziale nella protezione delle cellule immunitarie dal danno ossidativo durante il burst respiratorio dove si formano specie reattive dell’ossigeno. 1, 2
Le funzioni sopra elencate sono solo alcune caratteristiche che permettono ai produttori di richiedere all’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare il claim “contribuisce al normale funzione del sistema immunitario” per gli alimenti che sono fonte di zinco, selenio, ferro, vitamina A, D, C, B6, B12 e l’acido folico. 3

Una carenza di questi micronutrienti potrebbe pertanto portare ad un malfunzionamento del sistema immunitario e viene spontaneo chiedersi se sia necessario ricorrere all’uso di integratori per garantire all’organismo una quantità adeguata. Per definizione, un integratore alimentare è una fonte concentrata di nutrienti, intesa per prevenire o correggere deficit nutrizionali. 4 Quindi prima di tutto quello su cui si dovrebbe puntare per mantenersi in salute è la costruzione di una dieta varia ed equilibrata.
Si dovrebbe ricorrere all’uso di integratori solo in seguito a delle indicazioni specifiche date da un medico o uno specialista che può suggerire le quantità di micronutrienti necessarie in caso di carenza, poichè si dovrebbe tenere conto che se consumati in eccesso, possono dare tossicità, superando quindi il “livello massimo tollerabile di assunzione”. 2, 5

Infine, per quanto riguarda l’alimentazione e le risposte del sistema immunitario, si deve tenere anche a mente che se da una parte la carenza di alcuni nutrienti può compromettere il corretto funzionamento del sistema immunitario, dall’altra anche l’eccesso può altrettanto comportare dei problemi. Ovvero, sono numerose le evidenze che mostrano come l’eccesso di peso corporeo influisca negativamente sulla funzione immunitaria e incrementi la suscettibilità alle infezioni.6

In conclusione, per preservare un’adeguata difesa immunitaria è bene ricordare che ciò che si introduce con la dieta non sono singoli nutrienti ma alimenti. La quantità e la frequenza di questi alimenti costituisce la dieta, che può svolgere un ruolo protettivo o meno per la salute in generale, in funzione che rispetti o meno le linee guida per una sana alimentazione.

Referenze:

  1. The Role of the Status of Selected Micronutrients in Shaping the Immune Function, Elmadfa I and L Meyer AL, Endocr Metab Disord Drug Targets 2019; 19(8):1199-1115, doi: 10.2174/1871530319666190529101816.
  2. Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana (LARN), IV Revisione. Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU) 2014
  3. Regolamento UE N. 432/2012 della Commissione del 16 Maggio 2012
  4. https://www.efsa.europa.eu/en/topics/topic/food-supplements
  5. Linee guida per una sana alimentazione. Centro di ricerca alimenti e nutrizione (Crea). Revisione 2018
  6. The impact of obesity on the immune response to infection, Milner JJ and Beck MA, Proc Nutr Soc 2016; 71 (2): 298-306 doi: 10.1017/S0029665112000158
Condividi

Science for Health
Il portale dedicato ai medici e ai professionisti della salute

Promuovere uno stile di vita sano è uno dei pilastri su cui si basa la filosofia di YAKULT, con l'obiettivo di contribuire al benessere delle persone in tutto il mondo.
Yakult Italia mette a disposizione il sito rinnovato www.scienceforhealth.it, riservato ai professionisti della salute, per stimolare l'aggiornamento costante attraverso: approfondimenti, convegni e corsi di aggiornamento, letteratura scientifica e news, accessibili in qualunque momento, da tutti i dispositivi, in modo semplice e intuitivo.

Da oltre 85 anni, YAKULT opera a livello mondiale attraverso un costante impegno nella ricerca e nella specializzazione nel campo dei probiotici.
Nel 1930, all'Università di Kyoto in Giappone il Dott. Minoru Shirota – microbiologo e ricercatore della facoltà di Medicina e fondatore di YAKULT – selezionò e coltivò un particolare fermento lattico, tanto forte da resistere ai succhi gastrici e giungere vivo nell'intestino, favorendo così l'equilibrio della flora intestinale.
Questo fermento fu chiamato L. casei Shirota (LcS), in suo onore.

YAKULT è presente oggi in 40 Paesi al mondo e viene consumato da oltre 40 milioni di persone

Questo sito è riservato a medici e professionisti della salute. Il contenuto è visibile solo agli utenti registrati.
REGISTRATI o EFFETTUA IL LOGIN